Arrivano gli incentivi per le auto ecologiche

blogga 1254, incentivi autoEntro la fine di marzo dovrebbe entrare in vigore il decreto per promuovere le misure sulla mobilità sostenibile previste nella legge Sviluppo. Dunque presto saranno disponibili oltre 100 milioni di euro per l’acquisto di auto a basse emissioni. Attualmente il provvedimento è all’esame della Corte dei conti in attesa prima della registrazione e poi della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.


Le agevolazioni sono spalmate sul triennio 2013 – 2015 per un ammontare di 120 milioni, di cui 40 milioni relativi al 2013, 35 al 2014 e 45 al 2015: le facilitazioni sono rivolte per la maggior parte a veicoli aziendali o a quelli ad uso pubblico e si riferiscono a tutti i veicoli a basse emissioni complessive, compresi quelli a trazione elettrica, ibrida, a Gpl, a metano, a biometano, a biocombustibile e a idrogeno, che producono emissioni di CO2 non superiori a 120 gkm e ridotte emissioni di ulteriori sostanze inquinanti.
La prima quota è destinata all’acquisto da parte di privati di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km, la seconda va, invece, a coloro che acquistano veicoli ecologici con emissioni non superiori a 120 g/km da parte di aziende o destinati all’uso di terzi (tra cui taxi, noleggio e liberi professionisti) a patto che venga rottamato un veicolo di oltre 10 anni di cui si sia in possesso da almeno 12 mesi.


Il finanziamento è erogato secondo le seguenti modalità:
– il 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di 5.000 euro per le vetture che emettono meno di 50 g/km di CO2;
– il 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di 4.000 euro per le auto che emettono tra 51 e 95 g/km di CO2,
– il 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di 2.000 euro per le auto che emettono tra 96 e 120 g/km di CO2.
Nel 2015 il contributo sul prezzo di acquisto sarà del 15% e gli importi erogati si ridurranno, rispettivamente, a 3.500, 3.000 e 1.800 euro.

Arrivano gli incentivi per le auto ecologicheultima modifica: 2013-02-07T14:53:05+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo