Per il 2013 in arrivo un stangata da 1.500 euro a famiglia

blogga 1254, rincari, 2013

In arrivo una stangata per le famiglie da 1.490 euro a famiglia nel 2013. Lo affermano in una nota Federconsumatori e Adusbef, che hanno sommato gli aumenti dei prezzi internazionali delle derrate alimentari, le ricadute su prezzi e tariffe derivanti dall’Imu applicata sui settori produttivi e l’aumento Iva da luglio.

 

Secondo i rappresentanti dei consumatori, peseranno sulle famiglie italiane: l’aumento del canone Rai, +1,5 euro che porterà il tributo a 113,50 euro; quello delle tariffe aeroportuali di +8,5 euro a biglietto, per finanziare a spese dei passeggeri e investimenti degli aeroporti di Roma; gli aumenti delle tariffe postali, da un minimo di +15% a +40% per la posta prioritaria, del 58,3% per il bancoposta il cui canone annuo salirà da 30,99 a 48 euro e il costo degli assegni, prima gratis e ora portati a 3 euro (a luglio i bollettini erano rincarati del 18% passando da 1,10 ad 1,30 euro.

 

Secondo le associazioni dei consumatori a ciò si aggiunge la Tares, che aumenterà dal 1° aprile del 25%; i “servizi bancari che continuano a rincarare con oneri e balzelli fantasiosi e con la ‘taglia’ sui mutui i cui tassi, pari ad una media del 4,88% con un differenziale di ben 139 punti sulla media Ue che si traduce in un costo superiore in Italia di ben di ben 72 euro-mese, 864 euro l’anno, quindi di 25.920 euro per un mutuo trentennale di centomila; delle assicurazioni sanguisughe, che per la Rc Auto obbligatoria rappresenta la voragine fissa per i bilanci delle famiglie ed il 5% del reddito totale di 30.000 euro”.

 

Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef, ritengono che gli aumenti “sono insostenibili e determineranno nuove e pesantissime ricadute sulle condizioni di vita delle famiglie, già duramente provate, e sull’intera economia, che dovrà continuare a fare i conti con una profonda e prolungata crisi dei consumi”.

Per il 2013 in arrivo un stangata da 1.500 euro a famigliaultima modifica: 2012-12-27T15:35:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo