La crisi non si allontana. Rischio recessione anche per il 2013

blogga 1254, Bce, recessione, crisiPer l’economia europea anche il 2013 rischia di essere un anno difficile. La conferma arriva dalla Bce, che rivede le stime al ribasso per il Pil dell’eurozona nel 2012 e 2013. Secondo gli economisti dell’Eurotower, l’economia crescerà i termini reali fra il -0,6 e il -0,4% nel 2012, fra il -0,9 e lo 0,3 nel 2013 e fra lo 0,2 e il 2,2 l’anno seguente.

 

Confermate anche le previsioni sull’inflazione. La Bce vede un tasso d’inflazione al consumo pari al 2,5% nel 2012, all’1,1-2,1 nel 2013 e allo 0,6-2,2 l’anno seguente. Rispetto all’esercizio dello scorso settembre, l’intervallo di valori per il 2013 è stato corretto al ribasso.


Dunque una congiuntura economica che non migliora o se lo fa con una velocità modesta. Condizioni che non possono non ripercuotersi sul mercato del lavoro. La Bce evidenzia come il tasso di disoccupazione ha continuato a crescere, raggiungendo in ottobre l’11,7%. Un trend destinato ad accelerare nel corso dei primi mesi del 2013.

 

Le buone notizie arrivano solo dal graduale rientro delle tensioni sui debiti pubblici. Anzi la Bce fa notare il forte allentamento delle pressioni sui bond sovrani dell’eurozona se si considera il periodo tra la fine di agosto e il 5 dicembre. I tassi di interesse per la Grecia sono calati di oltre 800 punti base e forti riduzioni sono state registrate anche negli altri Paesi con programmi di assistenza finanziaria in corso (184 punti base per il Portogallo e 147 punti base per l’Irlanda), e per Italia e Spagna (rispettivamente 141 e 148 punti base). Solo le obbligazioni di Germania e Finlandia hanno registrato lievi aumenti dei rendimenti.

La crisi non si allontana. Rischio recessione anche per il 2013ultima modifica: 2012-12-13T12:43:41+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo