La siccità sta diventando un’emergenza mondiale. A rischio i prodotti agricoli

blogga 1254, siccità, effetto serra

L’effetto serra non è una moda ambientalista. E neppure un problema che riguarda unicamente gli scienziati. I cambiamenti climatici stanno – in maniera crescente – colpendo tutti. Gli eventi atmosferici estremi sono in sensibile crescita e la colonnina di mercurio segna inesorabilmente una tendenza al rialzo.

 

Molte aree ad alta produzione agricola sono state colpite, nel corso di questi anni, da inusuali eventi di siccità. L’ultimo allarme arriva da Confagricoltura che denuncia come le aree centrali degli Usa siano alle prese con l’estate più secca dal 1956. Una condizione climatica che causerà perdite di oltre il 30% dei raccolti di mais e soia, con ripercussioni gravi per il settore zootecnico, con allevamenti costretti a ridurre o a modificare le razioni di mangime per l’alimentazione del bestiame ricorrendo al frumento in sostituzione del mais, il cui prezzo è salito del 40% rispetto a luglio 2011.
Ma non solo gli Stati Uniti. Le anomalie climatiche stanno compromettendo drasticamente anche i raccolti cerealicoli dei granai del mar Nero, dalla Russia all’Ucraina al Kazakistan. Siccità anche nell’Unione europea con riduzione delle rese, in primo luogo in Italia, ma anche in Ungheria, Romania, Serbia.

 

La Fao calcola quest’anno che, a livello mondiale, i raccolti registreranno 23 milioni di tonnellate in meno di cereali e 25 milioni di tonnellate di mais. In diminuzione anche le scorte globali per il 2013 che caleranno di 12 milioni di tonnellate.
Gli effetti sono stati già sperimentati nel passato. Per il prossimo futuro si assisterà a un’impennata dei prezzi e di vere e proprie carenze alimentari. Si teme un ritorno dell’emergenza nel corno d’Africa e in Etiopia: alcuni analisti prevedono una ripetizione delle proteste e rivolte che investirono l’Africa e il Medio Oriente per l’aumento del prezzo del pane.

La siccità sta diventando un’emergenza mondiale. A rischio i prodotti agricoliultima modifica: 2012-07-30T16:17:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo