In vigore il decreto sviluppo: dalle ristrutturazioni all’Iva, ecco le novità principali

blogga 1254, decreto sviluppo, ristrutturazioni

 

Via libera al decreto sviluppo, che, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 26 giugno, è entrato ufficialmente in vigore (nella forma di decreto legge “Misure urgenti per la crescita del Paese”. Vediamo quali sono le principali novità.


Ristrutturazioni edilizie
Aumenta la detrazione Irpef dal 36 al 50% sulle ristrutturazioni, mentre passa al 50% (dal 55%) quella per gli interventi di risparmio energetico.

Riepilogando: le spese effettuate per interventi di recupero edilizio, nel periodo 1° gennaio 2012 – 25 giugno 2012 godono del bonus al 36% con il limite massimo di spesa di 48mila euro per unità immobiliare. Dal 26 giugno 2012 (da quando è entrato in vigore il decreto) al 30 giugno 2013, la detrazione si alza a quota 50% con limite di spesa di 96mila euro per unità immobiliare, per poi riabbassarsi al 36% dal 1° luglio 2013. Lo sconto del 50% è riconosciuto anche per il conseguimento di risparmi energetici pur senza opere edili, acquisendo la documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente.


Torna l’Iva sui fabbricati
Torna l’imposta sul valore aggiunto per le cessioni e le locazioni di fabbricati effettuate da imprese di costruzioni, il credito di imposta per le assunzioni di personale qualificato, con un limite massimo di 200mila euro annui per impresa.


Società a responsabilità limitata a capitale ridotto
Viene istituita la srl a capital ridotto per i soggetti che al momento della costituzione della società abbiano compiuto 35 anni.


No all’esenzione Imu
Niente esenzione Imu per gli immobili realizzati da imprese di costruzioni, che rimangono invenduti per un tempo di 3 anni.


Le altre novità
Il decreto prevede finanzimenti alla green economy a patto che siano assunti giovani a tempo indeterminato, la messa in sicurezza del territorio, delle infrastrutture e degli edifici.
Da segnalare gli aiuti alle zone della Pianura Padana colpite dal terremoto.

Infine via libera alla nascita del Fondo per la crescita sostenibile che avrà il compito di finanziarie progetti di ricerca e sviluppo, investimenti produttivi in particolare al Sud, rilancio di aree di crisi e progetti di internazionalizzazione.

In vigore il decreto sviluppo: dalle ristrutturazioni all’Iva, ecco le novità principaliultima modifica: 2012-06-27T16:52:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo